COMUNICATO STAMPA RINNOVO CONTRATTI PUBBLICI

COMUNICATO STAMPA RINNOVO CONTRATTI PUBBLICI

“Apprezziamo l’impegno del Governo in termini di stanziamenti economici per il rinnovo dei contratti di lavoro, ma è necessario fare di più.

Abbiamo bisogno di ulteriori risorse non solo per garantire il potere d’acquisto, ma anche investimenti adeguati sul nuovo ordinamento professionale, strumento indispensabile per innovare le nostre Pubbliche Amministrazioni e valorizzare le tante professionalità presenti nel mondo del lavoro pubblico.”

E’ quanto afferma Marco Carlomagno – Segretario generale CSE – all’indomani della pubblicazione del rapporto sulle retribuzioni dei pubblici dipendenti, presentato dal Presidente dell’Aran Antonio Naddeo, nel quale viene stimato un aumento a regime nel triennio di vigenza del nuovo contratto  pari a 100 euro lordi pro-capite.

“Saremo presenti come CSE alla convocazione del 19 febbraio voluta dalla Ministra della Funzione Pubblica Fabiana Dadone perché vogliamo rinnovare in tempi brevi i contratti scaduti ormai da più di un anno. Vogliamo fare presto e vogliamo fare bene”, prosegue Carlomagno.

“Superamento dei tetti predeterminati al ribasso dei Fondi di produttività delle Amministrazioni, rilancio della contrattazione integrativa, eliminazione dell’odiosa tassa sulla malattia e delle norme penalizzanti sulla tutela della salute introdotte con gli ultimi contratti, superamento delle disparità in materia di fasce di reperibilità, piena attuazione degli istituti di conciliazione vita – lavoro e riconoscimento di una maggiore flessibilità nell’articolazione dell’orario di lavoro, sono alcuni dei punti che sottoporremo alla Ministra Dadone  da inserire all’interno del Memorandum sul lavoro pubblico che per noi deve costituire l’accordo quadro propedeutico all’avvio del negoziato.

Lo faremo senza tatticismi  e giochi delle parti.

Perché per noi al primo posto ci sono solo i lavoratori e le loro aspettative”, conclude Carlomagno.

Scarica il notiziario