EMERGENZA CORONAVIRUS

EMERGENZA CORONAVIRUS

LA MINISTRA DADONE RISCONTRA LA NOSTRA RICHIESTA E CONFERMA IL SUO IMPEGNO PER LA TUTELA DEL PERSONALE COSTRETTO AD ASSENTARSI PER LA CURA DEI FIGLI MINORI A CAUSA DELLA CHIUSURA DELLE SCUOLE

Immediato riscontro della Ministra della Pubblica Amministrazione Fabiana Dadone alle richieste della nostra Confederazione CSE di prevedere specifiche norme che tutelino le lavoratrici ed i lavoratori che per effetto della chiusura delle scuole sono costretti a restare a casa per accudire i figli minori.

La Ministra ci ha infatti garantito che “stiamo provvedendo già con le prime soluzioni introdotte dal Decreto-Legge 2 marzo 2020 n. 9 al fine di risolvere le criticità legate al trattamento economico e di malattia per i lavoratori costretti ad interrompere la propria prestazioni lavorativa causata dall’emergenza Coronavirus Covid-19”.

Alle nostre perplessità circa la gestione del personale pubblico, la Ministra ci ha detto che “sono in corso gli opportuni approfondimenti per l’introduzione di ulteriori norme di tutela economica e giuridica in favore dei dipendenti pubblici nonché dei lavoratori che dovranno assentarsi dal lavoro per esigenze di cura dei minori in considerazione della chiusura della scuola”.

Nel ringraziare la Ministra per la tempestività e la sensibilità dimostrata, auspichiamo che la modifica normativa avvenga al più presto, e con effetto retroattivo, considerata l’urgenza della situazione.

 

La Segreteria generale CSE

scarica il notiziario